il tè rosa dell’Abissinia

nasce da un fiore tropicale molto elegante, che esprime la femminilità nel punto massimo della sua natura: il fiore di ibisco.
Fatto essiccare e lasciato in infusione per qualche minuto, dà origine al karkadè, una bevanda di colore rosso rubino, ottima sia calda che fredda, dalle numerose proprietà benefiche. 
E’ un antinfiammatorio, contiene vitamina c in quantità doppia rispetto alla spremuta d’arancia ed è fantastico, ad uso locale, per le infiammazioni della pelle. E’ diuretico, rinfrescante e dissetante, facilita l’attività dei reni e dell’apparato digerente.
Il karkadè è diffuso soprattutto nei paesi caldi: in Etiopia, in Egitto; gli africani, durante i lunghi viaggi, tengono in bocca un fiore secco di ibisco per combattere la sete.  
Durante
il proibizionismo americano si sostituiva al vino. In Jamaica divenne
la bevanda del Natale, dato il colore rosso intenso. In Italia arrivò negli anni ’30 grazie ai vari imperi coloniali occidentali dell’epoca.

Io lo adoro, lo bevo, lo guardo e…lo mangio.

CUORI ROSA D’ABISSINIA

ingredienti per la pasta: (dosi per due persone)

200g di farina tipo “00”
2 uova a temperatura ambiente
l’albume di 1 uovo
100g di ricotta vaccina
10g di parmigiano grattugiato
50g di burrata
15g di foglie di basilico
1 pizzico di noce moscata
sale

procedimento per la pasta:

impastate e stendete la sfoglia (la ricetta la trovate sulla pagina “mani in pasta“). Preparate il ripieno dei ravioli amalgamando la ricotta, il parmigiano, la buratta tagliata a pezzettini, la noce moscata, un pizzico di sale, il basilico tritato. Abbiate l’accortezza di non far asciugare troppo la sfoglia, piegatela in due, disponete su una metà dei cucchiaini di ripieno distanziati l’uno dall’altro a seconda della grandezza dei vostri ravioli; spennellate la sfoglia con l’albume d’uovo tra un mucchietto di ripieno e l’altro, ripiegate la metà della sfoglia sul ripieno e premete leggermente con le dita per far aderire la pasta che non si aprirà durante la cottura. Ricavate i ravioli esercitando pressione con uno stampo a forma di cuore.

ingredienti per il condimento:

1400ml di acqua
60g di fiori di ibisco essiccati
200g di burrata
1 zucchina
1 scalogno
30g di burro
sale
olio extravergine d’oliva

procedimento:

tritate finemente lo scalogno e fatelo dorare in padella con il burro e tre cucchiai d’olio d’oliva. Aggiungete la zucchina tagliata longitudinalmente con un pela patate, formando delle strisce lunghe, quindi, fatela insaporire velocemente insieme allo scalogno, salate e aggiungete la burrata tagliata a pezzettini.
In una pentola dai bordi alti portate ad ebollizione l’acqua, spegnete la fiamma e mettete in infusione i fiori di ibisco per 10 minuti; a questo punto filtrate il karkadè e riportatelo ad ebollizione. Cuocete i cuori nel karkadè per 2 minuti, scolateli delicatamente con l’aiuto di un mestolo forato a saltateli in padella per qualche istante, a fiamma viva, con il condimento.

Questo è il mio piatto del cuore, a forma di cuore, cotto nel mio infuso del cuore del mio colore del cuore, che porta il nome del mio fiore del cuore e che ha un cuore morbido e caldo, cucinato con il cuore per voi e per il contest 

Anteprima
 http://www.laromadelcaffe.com/2013/01/pioggia-di-cuori-nuovo-contest-la.html?m=0

Follow:
Share:

56 Comments

  1. 28 Gennaio 2013 / 8:46

    Accidenti che bel piattino! eh io non arrivo a questi livelli . . . complimenti. A presto Sara!

    • 28 Gennaio 2013 / 10:23

      ma non è vero, sei bravissima! Grazie Sara, a presto

    • 28 Gennaio 2013 / 10:22

      ma ceramente Ale, arrivo subito. Grazie della visita, un bacione

  2. 28 Gennaio 2013 / 10:09

    FAVOLOSI!!! Un'idea veramente geniale, brava, davvero!
    Un bacio!

    • 28 Gennaio 2013 / 10:23

      Grazie Roby 🙂 e grazie anche perchè ci sei sempre, ma un'immenso piacere. Ti abbraccio

  3. 28 Gennaio 2013 / 10:51

    Ciao Eleonora, grazie del tuo commento! E' un grande piacere anche per me scoprire il tuo blog! A presto ;=)

  4. 28 Gennaio 2013 / 12:05

    meravigliosi..come te!:)sei sempre super bravissima,bacione grande

  5. 28 Gennaio 2013 / 15:37

    Ragazza mia, questa è classe mica acqua!^_^Da provare di corsa.
    Grazie
    Un bacio
    Monica

    • 28 Gennaio 2013 / 15:57

      …e tu di classe te ne intendi amica mia, quindi che dire?! Grazie di cuore

  6. 28 Gennaio 2013 / 17:55

    Ele ma sei stupefacente… ma che meraviglia!!! bellissime le foto e sorprendente la ricetta!!! Bravissima. Un bascio!!

  7. 28 Gennaio 2013 / 18:33

    Che meraviglia cara questa ricetta e' di un bello ed originalissima. Bravissima e' un piacere seguirti

  8. 28 Gennaio 2013 / 20:36

    Un piccolo capolavoro!! Sempre bravissima e originale

  9. 28 Gennaio 2013 / 21:10

    Siamo letteralmente incantati di fronte a questa pasta, che definire tale è persino riduttivo. Tutti i nostri complimenti e la nostra ammirazione, a cominciare dalla fantasia e dalla creatività che è alla base di tutto.
    Bacioni da Sabrina&Luca

    • 29 Gennaio 2013 / 8:45

      Grazie ragazzi, mi fanno sempre molto piacere le vostre visite. buona giornata, a presto

  10. 29 Gennaio 2013 / 10:34

    ciao! grazie per essere passata da me, il tuo blog è meraviglioso, foto da paura e ingredienti ricercati.. tutto da gustare! ti seguo più che volentieri!

    • 29 Gennaio 2013 / 11:06

      Grazie cara, che velocità. Benvenuta. un bacio, a presto

  11. 29 Gennaio 2013 / 12:51

    La vittoria del contest per me è tua, meritatissima, anzi, di più! Con una ricetta così bella e originale, anzi, forse unica, il primo premio è il minimo!!!! Complimenti davvero di cuore, anche per il tuo splendido blog che, purtroppo, scopro solo ora… ;-D

    • 29 Gennaio 2013 / 15:45

      Grazie Kiara! Che carina, mi fa piacere che tu sia venuta a trovarmi. a presto

  12. 29 Gennaio 2013 / 13:10

    Ciao grazie per la visita, bellissimo ed elegante blog!
    bellissima preparazione , in bocca al lupo!!
    Un abbraccio Anna

  13. 29 Gennaio 2013 / 13:28

    Mi piace iltuo blog. mi unisco volentieri!

  14. 29 Gennaio 2013 / 14:19

    Ricetta originalissima, veramente! E molto interessante anche l'introduzione, non sapevo di tutte queste proprietà dei fiori di ibiscus. Devo rimediare! Un bacio e auguroni per il contest!

    • 29 Gennaio 2013 / 15:51

      Grazie Elle, mi prendo volentieri gli auguri 😉 speriamo bene. un bacio cara, a prestissimo

  15. 29 Gennaio 2013 / 14:48

    Ciao Eleonora…questa pasta è stupenda! A una prima occhiata, complice la foto, l'avevamo scambiata per un fiore!!! In bocca al lupo per il contest…a presto!
    Chiara e Eli

    • 29 Gennaio 2013 / 15:53

      Ciao ragazze, grazie per essere passate, mi fa un piacere immenso. a presto

  16. 29 Gennaio 2013 / 14:53

    Ricetta bellissima e particolare!!
    il tuo blog e le tue foto mi piacciono moltissimo e mi unisco subito ai tuoi followers!! 🙂

    • 29 Gennaio 2013 / 15:54

      Grazie Alessandra, sono felice che ti piacciano. baci

  17. 29 Gennaio 2013 / 17:27

    Ma pensa che meraviglia hai creato in questa ricetta,hai davvero messo il cuore in tutti i sensi,grazie per le informazioni che mi hanno davvero appassionato.Grazie anche per il tuo commento sei stata gentilissima!
    Z&C

  18. 29 Gennaio 2013 / 18:58

    Scusa sono sempre io, prima erano spariti i lettori ^_^ mi sono aggiunta!
    Buona serata!

  19. 29 Gennaio 2013 / 19:28

    un opera d'arte!!!
    belli da vedere e sicuramente buoni da mangiare!!
    al prossimo post Nahomi

  20. 30 Gennaio 2013 / 7:57

    Ma che meraviglia! Sei sempre più brava.

  21. 30 Gennaio 2013 / 8:53

    Ciao Eleonora, il tuo blog è davvero bello e di buon gusto! Complimenti! Tornerò sicuramente a trovarti e grazie della tua visita!

    • 30 Gennaio 2013 / 9:10

      Grazie mille, mi fa molto piacere, torna quando vuoi, sei la benvenuta

  22. 30 Gennaio 2013 / 16:23

    mentre non adoro il karkadè come tisana, una bella forchettata di questa versione "mangiabile" l'assaggerei più che volentieri! Sono disposta a scommettere che siano deliziosi…
    Ciao

  23. 4 Febbraio 2013 / 22:00

    Questi cuori si mangiano con gli occhi, ho usato il karkadè per un risotto, ma anche così non mi dispiacerebbe affatto! 😉

  24. 21 Febbraio 2013 / 17:38

    no dai!!!! ma quanto sono belli!!!?!! complimentissimi!!! 😀 mi unisco ai lettori fissi! se ti va passa a trovarmi 😉 a presto

    Federica 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *