senza forma ma con mille forme

quant’è grande un angolo?
Quell’angolo che è come l’ossigeno, dove c’è posto solamente per te.
E’ uno spazio? E’ un pensiero? E’ una calotta di vetro insonorizzata da dove si riesce a vedere tutto il mondo, o è una stella piccolissima dove stare in equilibrio con una gamba sola ad ascoltare il buio del cielo.
Un angolo per te, tutto per te, dove si atterra sul morbido quando si cade di testa, un po’ per fortuna, un po’ perché ci si è lanciati con consapevolezza. 
E’ il posto dove, quando allunghi una mano, riesci sempre a cogliere ciò che desideri, perché è il tuo mondo, fatto dei tuoi vorrei e dei tuoi voglio.
Se spegni gli occhi un profumo ti abbraccia, è l’odore delle idee che si schiudono, che guizzano in aria come getti di acqua fresca.
Ecco quant’è grande un angolo, è immenso, impagabile, è un luogo prezioso senza forma ma con mille forme, senza luce ma con tantissimi colori, senza vento e senza calma, è il tuo angolo, il tuo Eden, frutto della tua mente, rifugio della tua gioia.

 

LASAGNA TARDIVA


ingredienti per la pasta: (dosi per due persone)


100g di farina tipo “00”
1 uovo a temperatura ambiente

procedimento per la pasta:


impastate e stendete la sfoglia (la ricetta la trovate sulla pagina “mani in pasta“), dividetela in rettangoli, grandi indicativamente come il palmo della vostra mano.

Sbollentate i pezzi di pasta immergendoli per qualche secondo in abbondante acqua salata (pochi per volta), scolateli con una schiumarola e adagiateli su un canovaccio umido.
 
ingredienti per la besciamella:
 
1/2l di latte intero
50g di farina tipo “00”
50g di burro
1 pizzico di noce moscata 
1 pizzico di sale
 
procedimento per la besciamella:
 
fate sciogliere a fuoco medio il burro in una casseruola e, mescolando con una frusta manuale, incorporate poco a poco la farina. Stemperate bene i grumi e fate tostare per qualche istante. Sempre mescolando unite il latte caldo, poco alla volta, e portate ad ebollizione.
Lasciate bollire per 5 minuti e, senza smettere di mescolare, condite con la noce moscata e il sale.
“Se volete una besciamella più fluida aumentate un po’ la dose del latte, in caso la desideriate più soda, aumentate quella della farina”.

 

ingredienti per la farcia:
1 radicchio rosso tardivo
20g di funghi porcini essiccati
5 fette di prosciutto cotto sottili
1/4 di bicchiere di vino bianco secco
3 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato
1 scalogno
olio extravergine d’oliva
prezzemolo tritato q.b.
sale 
pepe 
 
procedimento:
 
in una padella, fate soffriggere lo scalogno tritato con un fondo d’olio d’oliva. 
Mondate, lavate il radicchio e tagliatelo a pezzettini sottili, poi fate reidratare i funghi in acqua tiepida per una mezz’oretta, scolateli bene e riducete anch’essi a piccoli pezzi; quindi versate in padella insieme allo scalogno, salate e pepate, sfumate con il vino, lasciate cuocere per qualche minuto, fino a quando il radicchio non sarà appassito e ultimate con una presa di prezzemolo tritato.
Preriscaldate il forno a 160° e assemblate le lasagne:
ungete con dell’olio d’oliva una teglia dai bordi alti, stendete due cucchiai di besciamella sul fondo, poi foderate con la pasta. Coprite con altra besciamella, versatevi sopra 1/3 del sugo di funghi e radicchio, spolverate con un cucchiaio di parmigiano e stendete due fette di prosciutto cotto. Adagiate sopra altra pasta e procedete nello stesso modo per effettuare il secondo strato. Continuate fino ad esaurire gli ingredienti, l’ultimo strato lo ricoprirete creando un composto ottenuto amalgamando il sugo con la besciamella rimasta e una fettina di prosciutto cotto tagliato a pezzettini. Spolverizzate con un cucchiaio di parmigiano.
Infornate per 35/40 minuti fino ad ottenere una crosticina dorata.
Una volta cotte, togliete le lasagne dal forno e fatele riposare nella teglia per 5 minuti. Tagliatele e servitele calde.
 
Follow:
Share:

26 Comments

  1. 4 Febbraio 2013 / 7:59

    Ottimo spunto di riflessione. Un angolo può essere un mondo. Può essere un luogo meraviglioso da cui evadere dalla routine concedendoti i tuoi spazi, la tua tranquillità. Ma può anche essere l'opposto, un buco angusto in cui sei stato costretto a forza. Un angolo in cui sei stata rinchiusa, il tuo angolo di ufficio, il tuo angolo in mezzo alla società.
    Mi prendo una porzione di lasagna mentre ci rifletto su. È troppo presto dici? Un bacione

  2. 4 Febbraio 2013 / 8:21

    Che parole meravigliose.. in quell'angolo delle volte c'è il nostro guscio, le cose preziose, il nostro essere che non può essere capito nè che vuole che sia fatto.. Un posto sperduto dal quale spesso gridiamo, ma che da sicurezza- come alle creature animali- di non poter essere attaccati se non da dove possiamo vedere. Per difenderci. Luce e buio in un solo, piccolo e grande luogo. La tua lasagna è stupenda, amica. Delicatissima. Un felice lunedì!

    • 5 Febbraio 2013 / 8:56

      @Elle
      @Ely
      @Berry
      Ragazze buon giorno, non sapete quanto mi fa piacere il fatto che i miei post siamno uno spunto di riflessione, non olo per me, ma anche per voi. Grazie di cuore per le parole che ogni volta mi lasciate, sono preziose per me. Vi abbraccio forte

  3. 4 Febbraio 2013 / 8:35

    *_* che belle parole!
    E la lasagna è altrettanto bella! Un bacione e buon inizio settimana 🙂

  4. 4 Febbraio 2013 / 9:28

    tesora il mio angolo è piccolo e ingombro di cose, perchè così sono io, disordinata distratta e casinara… e non piccola no, ma ho bisogno di poco spazio per sentirmi in pace. un bacio, buona settimana… e la lasagna è proprio un bel modo di iniziarla.

    • 5 Febbraio 2013 / 8:57

      Ciao Lara, passa un abuona settimana anche tu, in pace nel tuo spazio vitale. un abbraccio

  5. 4 Febbraio 2013 / 9:28

    Un angolo, una porzione di vita ritagliata appositamente sulla tua forma, una sagoma di un burattino che ti fa da controfigura. Molto a cui girare le spalle e guardare la propria strada dal buchino sagomato dell'angolo.
    E la tua splendida lasagna tardiva? Un angolo di paradiso del gusto!

  6. 4 Febbraio 2013 / 9:49

    ahahah vedo che abbiamo avuto la stessa gustosissima idea!! non so tu…ma io le adoro più delle lasagne classiche :)!! buona giornata!

  7. 4 Febbraio 2013 / 12:54

    Le lasagne sono il mio piatto preferito, mi ricordano "il mio angolo" di bambina, quello dei miei ricordi preziosissimi, con la mamma.
    Grazie, con le tue parole hai soffiato via le nuvole. Ciao!

  8. 4 Febbraio 2013 / 19:21

    il mio angolo è un ricordo…chiudo gli occhi e mi trovo li ovunque io sia!!!

    le tue lasagne da provare per la domenica di carnevale!!!

    al prossimo post. Nahomi.

    • 5 Febbraio 2013 / 9:02

      @Stregavera
      @Elena
      @Nahomi
      Sono felicissima che le mie parole vi facciano ricordare, è la cosa più bella e importante della vita, il ricordo, ci fa vivere. Grazie per le vostre splendide parole. Un bacio grande, a presto

  9. 4 Febbraio 2013 / 22:05

    Parole bellissime e la ricetta e' una poesia per il palato. Baci cara

  10. 4 Febbraio 2013 / 23:30

    mi piace questa riflessione sull'angolo mi piace 'é il tuo mondo' …
    beh mi piace anche la lasagna!
    un abbraccio

    • 5 Febbraio 2013 / 9:03

      @Veronica
      @Patrizia
      Grazie mille per essere passate a trovarmi, mi fa sempre un immenso piacere. Vi abbraccio

  11. 5 Febbraio 2013 / 11:17

    Le tue parole mi hanno fatto rendere conto che forse, ultimamente, ho perso il mio angolo e ne sento la mancanza….vado a cercarlo, grazie di avermici fatto pensare!
    P.S. mi piace questa lasagna! Baci 🙂

  12. 5 Febbraio 2013 / 12:58

    Mmmmmm che buona questa lasagna. Altro che tardiva, squisita!

  13. 5 Febbraio 2013 / 18:00

    sante parole! un angolo può essere infinito se ci permette di spaziare con la mente …
    quanto sono buone queste lasagne?

  14. 5 Febbraio 2013 / 21:05

    mi faccio piccola piccola..nel mio angolino!osservo.ti leggo.sempre con immenso piacere.sei forte.grazie del post e di questa lasagna.meravigliosa.bacione:)

  15. 5 Febbraio 2013 / 23:33

    assolutamente deliziosa!

    bacci

  16. 6 Febbraio 2013 / 7:36

    un angolo, uno spazietto tutto per noi va bene, l'importante che poi non diventi quello il nostro mondo secondo me.ottima lasagna..veramente un confort food!

  17. 6 Febbraio 2013 / 20:24

    la tua lasagna mi ha colpito al cuore……la adoro.
    Adoro il radicchio..purtroppo qua a casa mia sono solo io la patita di questo ortaggio…ma non demordo, prima o poi le faccio e le propongo! E nella peggiore delle ipotesi…me le pappo tutte io, eheheheheh!

  18. 6 Febbraio 2013 / 23:48

    Me encanta esta masa rápida y exquisita luce muy bonita,abrazos y abrazos.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *